Seminario italo-spagnolo “Circolazione dei saperi e utilità delle conoscenze. La cartografia e le altre fonti di epoca moderna nelle ricerche attuali”

Mercoledì 12 dicembre 2018, ore 15.00, si svolgerà presso la Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma (Sala de Seminarios) il Seminario italo-spagnolo “Circolazione dei saperi e utilità delle conoscenze. La cartografia e le altre fonti di epoca moderna nelle ricerche attuali”.

Il seminario pone al centro della riflessione la cartografia come prodotto culturale, tecnico e artistico, nel cui processo di realizzazione intervengono molti saperi, diverse competenze e varie figure professionali. Un manufatto che ha una sua materialità oggettiva ma che sottende molteplici significati, espliciti o impliciti, che devono essere indagati per poterne apprezzare in pieno i contenuti. A varie scale, la cartografia è un palinsesto di come l’essere umano nel tempo abbia interagito con l’ambiente sulla base della propria cultura e tecnologia, ma anche dell’immaginazione, della volontà di superare i confini, del desiderio di soddisfare pure curiosità e sentite necessità, vere o voluttuarie. I casi di studio, distribuiti su tutta l’epoca moderna e con approcci disciplinari multipli, mostreranno lo stretto rapporto fra la cartografia e il potere, tra i saperi e i progetti del territorio.

Coordina: Rafael Valladares (EEHAR-CSIC)

Dirige: Annalisa D’Ascenzo (Università degli Studi Roma Tre)

Partecipano:

Antonio Sánchez (Universidad Autónoma de Madrid): “Artesanos y eruditos en la cartografía náutica portuguesa, 1500-1650”.

José María García (Dottore in Storia): “Milenarismo e Ilustración. Proyectos cartográficos del México barroco”.

Sara Carallo (Università degli Studi Roma Tre): “Acque, mulini e manifatture nel Lazio meridionale (XVIII secolo). Un’analisi cartografica in prospettiva geostorica”.

Cinzia Bartoli (Università degli Studi di Siena): “Antichi confini: variazioni e conflitti territoriali nel Granducato di Toscana attraverso la cartografia storica di età moderna”.

Davide Allegri (Università degli Studi di Trento): “Carte in movimento. Per una panoramica della cartografia tirolese tra XVIII e XIX secolo”.

Locandina

Cartografia tra vecchi e nuovi mondi

La Biblioteca Estense Universitaria ospita la mostra CARTOGRAFIA TRA VECCHI E NUOVI MONDI dal 22 Settembre 2018 al 6 Gennaio 2019.
In concomitanza con la mostra MERAVIGLIOSE AVVENTURE. Racconti di viaggiatori del passato, nella Sala Campori della Biblioteca Estense Universitaria, al secondo piano di Palazzo dei Musei, sarà allestita una preziosa selezione di mappe geografiche e Atlanti.

La mostra, Cartografia tra vecchi e nuovi mondi, è frutto della collaborazione tra Gallerie Estensi, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, dove la curatrice Sara Belotti, è attualmente ricercatrice presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali.

La mostra metterà in luce i documenti cartografici tra i più prestigiosi e importanti posseduti della Biblioteca Estense, tra cui la celebre Cosmografia di Tolomeo. Si tratta di un codice, realizzato per Borso d’Este, che oltre al suo valore artistico riveste un profondo significato storico e scientifico, poiché può essere considerato tra i primi “atlanti” conosciuti che, recuperando le conoscenze astrologiche e geografiche dell’antichità dopo secoli di oblio durante il Medioevo, fece da modello per le carte prodotte a partire dai sec. XV-XVI.

Maggiori informazioni

Roma Map Fair 2018

Roma Map Fair 2018

Mostra mercato: cartografia, atlanti, libri di viaggio e vedutistica nella stampa antica.

Speciale mostra: libri antichi e curiosità sullo stato pontificio.

Ingresso libero

Venerdì 28 settembre
Vernissage 17:00 – 21:00

Sabato 29 settembre
10:00 – 20:00

www.romamapfair.com/

Open data e geomarketing. Innovazione e opportunità per le imprese

Riceviamo e molto volentieri inoltriamo il programma del convegno “Open data e geomarketing. Innovazione e opportunità per le imprese” che si terrà il 26 settembre 2018 a Firenze. La giornata di studi è organizzata dal Laboratorio di Geografia applicata dell’Università di Firenze e dal Comune di Firenze.

Locandina