Seminario “Officina cartografica: materiali per lo studio della cartografia”

Parma, 11-12 febbraio 2016
Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società – Università degli Studi di Parma
Plesso aule K – Area Italianistica, Romanistica e Storia
Aula K3 – Via D’Azeglio, 85

Parma, spazio di azione di Smeraldo Smeraldi, dei Cocconcelli, di Pierre-Paul De Cotte, è stata nella storia recente un importante laboratorio di studi storico-cartografici. Il seminario intende riprendere tale significativa tradizione che rimanda all’attenzione lungamente prestata a questi documenti dall’archivista Marzio dall’Acqua, alle prime ricerche di Franca Miani, al Convegno del 1986 curato da Lucio Gambi e Pietro Zanlari (tacendo qui di lavori più recenti). Riprendere il discorso sulle carte storiche ci sembra più che mai opportuno, sia per il nostro posizionamento nel CISGE, sia potendo collocare il seminario all’interno di un Dipartimento che unisce competenze di carattere geografico, storico, artistico, letterario: una pista transdisciplinare di lavoro del tutto coerente con quella sintesi di saperi che è la carta.

Il seminario si propone alcuni principali obiettivi:
− offrire uno spazio specifico alle ricerche in corso da parte di studiosi collaudati o più giovani; specifico perché non ci sembra che negli ultimi anni gli spazi autonomi sul settore siano stati così numerosi;
− in tal senso, incoraggiare eventuali interventi di confronto fra la nostra (del CISGE e italiana) e altre realtà;
− dare visibilità al panorama di iniziative inerenti al documento cartografico: nuove riviste; pubblicazioni e mostre; attività finalizzate a progetti di digitalizzazione e/o di conservazione; nuove applicazioni dei saperi cartografici.

Programma

Locandina

Geostoria Geostorie

Geostoria Geostoriea cura di Annalisa D’Ascenzo
Roma, CISGE, 2015
ISBN: 978-88-940516-0-5

Indice

Annalisa D’Ascenzo
Presentazione, p. 9
Ilaria Luzzana Caraci
Premessa, p. 11

PRIMA PARTE
La storia delle esplorazioni punto di incontro tra geografia, storia e altre storie. Esperienze di ricerca

Le fonti della Storia delle esplorazioni

Gabriella Amiotti
Il Periplo di Annone e dello Pseudo Scilace a confronto, p. 27

Luciano Formisano
La critica delle fonti e l’edizione dei nostri viaggiatori (Colombo e Vespucci), p. 35

Michele Castelnovi
Fraude, Inganno, Errore & Heresia: per una tipologia del falso in esplorazione e in cartografia, p. 43

Annalisa D’Ascenzo
Lo schema (immaginare-)trovare-cercare-scoprire applicato alle rappresentazioni del Giappone (metà XIV-metà XVII secolo), p. 65

Maria Mancini
In Etiopia, alla ricerca di un toponimo perduto, p. 97

Luisa Rossi
Storia di un deserto. Note su geografia storica e genere, p. 109

Laura Cassi
Fotografia e geografia. Frammenti di un percorso di ricerca, p. 125

I rapporti fra la Storia delle esplorazioni e le altre geostorie

Massimo Quaini
Quale geografia per il CISGE? Da castello incantato a castello kafkiano?, p. 137

SECONDA PARTE
Venti anni di attività del Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici

Storia della geografia

Paola Pressenda
La scoperta del luogo in geografia: orientamenti internazionali negli studi di storia del pensiero geografico, p. 153

Geografia storica

Leonardo Rombai
Geografia storica e sua applicazione alle politiche del paesaggio e del territorio. A proposito del caso toscano: valutazioni critiche e propositive, p. 165

Anna Guarducci
Il Piano paesaggistico della Regione Toscana. Geografia storica e paesaggi rurali, p. 175

Storia dei viaggi e delle esplorazioni

Giorgio Bertone
Il viaggio tra letteratura e antropologia. Appunti, p. 195

Francesco Surdich
Approcci interdisciplinari alla letteratura di viaggio: bilancio di un ventennio di studi e di ricerche in Italia, p. 211

Carla Masetti
La ricerca CISGE sulla storia del viaggio e delle esplorazioni, p. 239

Storia della cartografia

Giorgio Mangani
Storia della cartografia, regione depressa?, p. 255

Massimo Rossi
Storia della cartografia, opportunità per un progetto territoriale, p. 271

Luisa Rossi
Gli studi storico-cartografici e il CISGE, p. 291

Martino Martini e la storia della cartografia

Il Centro Studi Martino Martini di Trento, in collaborazione con il Centro italiano per gli studi storico-geografici e il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Trento, organizza nei giorni 28 e 29 novembre 2014, il convegno dal titolo Martino Martini e la storia della cartografia nel 400° anniversario della nascita.

Programma

Presentazione

A latere del convegno, il giorno 29 novembre p.v. è indetta l’Assemblea ordinaria dei soci del CISGE per l’anno 2014.

Conference “Mediterranean Architectural Heritage: Coastal Fortifications in Spain, Italy, and Greece”

florence101114
10 november 2014, 2.30-5.00 pm, conference Mediterranean Architectural Heritage: Coastal Fortifications in Spain, Italy, and Greece.

Digital Survey and Documentation of the Archaeological and Architectural sites, UNESCO World Heritage List, Parallel event
18th 1COMOS General Assembly and Symposium on “Heritage and Landscape as Human Values”
ORSANMICHELE – Florence, Via dell’Arte della Lana I (8-23 november 2014, 2.00 – 5.00 pm).

Programme

Ciclo di seminari “La cartografia storica tra Sette e Ottocento”

Il Centro Italiano per gli Studi Storico Geografici, in collaborazione con il Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci” del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Roma Tre, organizza un ciclo di seminari dal titolo La cartografia storica tra Sette e Ottocento. Principi, metodi e percorsi di ricerca.

I seminari sono inseriti nell’ambito delle celebrazioni del bicentenario della morte dello scienziato padovano, Giovanni Antonio Rizzi Zannoni (Padova, 1736 – Napoli, 1814), astronomo, geodeta, geografo e cartografo, fondatore a Napoli della famosa Officina Topografica, successivamente trasformata in Reale Officio Topografico, dal quale trasse per buona parte origine l’Istituto Geografico Militare.

Calendario dei seminari:

Mercoledì 22 ottobre – ore 14.00-16.00
Massimo Rossi (Fondazione Benetton Studi Ricerche)
Cartografia pittoresca. Mappe, topografi, artisti e correnti estetiche tra XVIII e XIX secolo

Lunedì 3 novembre – ore 14.00-16.00
Anna Guarducci (Università di Siena)
La cartografia manoscritta per il governo del territorio nell’Italia preunitaria

Martedì 4 novembre – ore 14.00-16.00
Paola Pressenda (Università di Torino)
Il problema della schedatura della cartografia storica: dal dibattito ottocentesco alle tendenze più recenti

Giovedì 13 novembre – ore 14.00-16.00
Andrea Cantile (Istituto Geografico Militare)
Teorie, metodi e strumenti della cartografia geometrica

Tutti i seminari si svolgeranno presso il Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci”, Via Ostiense 234-236, 00144 Roma (piano terra; metropolitana linea B fermata “Marconi”)