Presentazione del volume “La cartografia di Matteo Ricci”

Mercoledì 17 febbraio 2016, alle ore 17.00, nella sala “Giuseppe Dalla Vedova” di Palazzetto Mattei in Villa Celimontana (Roma – Via della Navicella, 12), Michele Castelnovi, Carla Masetti e Federico Masini presentano il volume La cartografia di Matteo Ricci, a cura di Filippo Mignini (Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 2013). Introduce e coordina Franco Salvatori.

Invito

Call for papers: X Seminario di studi storico-cartografici “Dalla mappa al GIS”

X Seminario di studi storico-cartografici Dalla mappa al GIS
Il progetto del territorio nelle fonti d’archivio

Roma, 7-8 aprile 2016

Il Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci” del Dipartimento di Studi umanistici dell’Università Roma Tre, in collaborazione con il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, organizza nei giorni 7 e 8 aprile 2016 la decima edizione del Seminario di studi storico-cartografici Dalla mappa al GIS. Il tema al centro dell’incontro è Il progetto del territorio nelle fonti d’archivio, ossia la riflessione sull’importanza delle ricerche e delle fonti custodite negli archivi e nelle conservatorie in genere per lo studio e la comprensione delle dinamiche territoriali, nel lungo periodo, soprattutto in prospettiva dell’individuazione, dell’analisi e della soluzione dei problemi odierni.

Indubbiamente, ormai, la complessa realtà attuale affonda le proprie radici nei processi geostorici e nelle dinamiche ambientali che hanno interessato in passato il territorio, perciò i progetti di governance territoriale non possono prescindere da tali studi per proporre interventi risolutivi.

Seguendo la tradizione dell’appuntamento romano, l’intento è quello di fare emergere casi di studio, pratiche virtuose, proposte e spunti di discussione per supportare la riflessione epistemologica e teorica sul rapporto fra l’uomo e l’ambiente.

Sono previste sessioni tematiche che, come avvenuto nelle scorse edizioni, sono potenzialmente le seguenti:
– l’approccio diacronico alla cartografia storica;
– il contributo dei GIS nel campo della ricerca storico-geografica e applicata alla governance territoriale;
– la tutela e la valorizzazione dei beni ambientali, culturali, storici e paesaggistici;
– lo sviluppo socio-economico;
– i laboratori geocartografici universitari come sostegno della didattica e della ricerca.

Chi fosse interessato a partecipare è pregato di inviare, entro e non oltre il 6 marzo 2016, il titolo dell’intervento e un abstract a annalisa.dascenzo@uniroma3.it. Le proposte verranno valutate dal comitato scientifico che provvederà a redigere il programma dei lavori.

Comitato organizzativo: Annalisa D’Ascenzo, Arturo Gallia, Carla Masetti

Ereditare il passato e progettare il futuro. Geografie dalla Firenze capitale alla città metropolitana

Nei giorni 22-23 ottobre 2015 a Firenze, presso l’Aula Magna del Rettorato (Piazza San Marco 49), si terrà il convegno Ereditare il passato e progettare il futuro. Geografie dalla Firenze capitale alla città metropolitana, organizzato dalla Società di Studi Geografici e dalla Società Geografica Italiana.

Programma

Il Convegno partecipa alla ricorrenza dei 150 anni di Firenze Capitale per discuterne il rapporto, storico ed attuale, con la geografia. Ogni Città Capitale, infatti, intrattiene un rapporto privilegiato con questa disciplina, non soltanto perché attraverso la geografia si esprimono il potere e il signoraggio territoriale, ma perché sono intimamente geo-grafici il progetto e la gestione amministrativa di ogni processo di formazione dello Stato.

La prima e la seconda parte del Convegno illustrano come la Geografia italiana abbia origine nella Firenze Capitale lorenese e poi unitaria e si sviluppi in seguito mante-nendo una saldissima radice fiorentina nelle vicende che giungono alla Repubblica e infine a oggi.

La terza parte guarda al presente e al futuro, discutendo spunti critici che la pluralità delle geografie (economica, politica, sociale e culturale) individua oggi per la Firenze di domani.

La Tavola rotonda è chiamata a dibattere queste sollecitazioni in un confronto a più voci in cui il sapere geografico incrocia gli altri saperi disciplinari e le fonti delle politiche territoriali e dell’azione amministrativa.

 Il 27 ottobre 2015, presso l’Istituto Geografico Militare (Via C. Battisti 10, Firenze), alle ore 11, ci sarà l’inaugurazione della mostra Firenze e la cultura dell’utile. Cartografia e Geografia dai Lorena ai Savoia

a cura di Andrea Cantile e Leonardo Rombai.

Presentazione del volume “El Atlas Medici de Lorenzo Possi (1687)”

Nel 1687, l’ingegnere italiano Lorenzo Possi realizzò un straordinario insieme di mappe sulle fortificazioni dei confini spagnoli con la Francia e il Portogallo. L’atlante era in realtà un omaggio per Ferdinando de Medici, erede del Grand Duca di Toscana Cosimo III. La riscoperta di quest’opera, inedita e sconosciuta fino ad oggi, nella Biblioteca del Museo Galileo di Firenze, ha permesso recuperare questo gioiello della cartografia europea.

Presentazione del Volume

El Atlas Medici de Lorenzo Possi (1687)
Piante d’Estremadura e Catalogna

Introduce:
Rafael Valladares (EEHAR-CSIC)

Partecipano:
Miguel Ángel Melón (Universidad de Extremadura)
Annalisa D’Ascenzo (Universidad Roma Tre)
María Rocío Sánchez Rubio e Isabel Testón Nuñez (Universidad de Extremadura)

Giovedì 28 Maggio 2015, ore 17.00

Via di S. Eufemia 13, 00187 Roma
Tel. 06 68100001
www.eehar.csic.esescuela@eehar.csic.es

Locandina

Martino Martini e la storia della cartografia

Il Centro Studi Martino Martini di Trento, in collaborazione con il Centro italiano per gli studi storico-geografici e il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Trento, organizza nei giorni 28 e 29 novembre 2014, il convegno dal titolo Martino Martini e la storia della cartografia nel 400° anniversario della nascita.

Programma

Presentazione
Personaggio di primo piano nella storia culturale del Seicento per il suo ruolo di mediatore tra la civiltà cinese e l’Occidente, il trentino Martino Martini, missionario gesuita in Cina, fu autore di una grande messe di opere di interesse geografico e cartografico, stampate in latino.

L’edizione critica dell’Opera Omnia, in sei volumi, sarà completata nell’anno in corso con la pubblicazione del volume finale Indici e documentazione aggiuntiva. Nel 2015 sarà disponibile anche in lingua cinese. Il terzo, volume in due tomi e corredato delle relative tavole, è dedicato alla sua opera più famosa, il Novus Atlas Sinensis (pubblicato ad Amsterdam presso Joan Blaeu nel 1655).

In occasione del quattrocentesimo anniversario della sua nascita, avvenuta a Trento nel 1614, il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici e il Centro Studi “Martino Martini” per le relazioni culturali Europa-Cina, hanno promosso questo incontro volto a mettere in luce gli effetti più rilevanti che i suoi studi ebbero sulla cultura geografica del tempo e dei secoli successivi.

Il convegno intende infatti porre al centro dell’attenzione l’importanza del viaggiatore, studioso e missionario trentino, sulla conoscenza dell’Oriente, ponendo in rilievo la centralità della sua opera nell’evoluzione della rappresentazione cartografica, e come essa ne sia stata influenzata nel corso del tempo.

A latere del convegno, il giorno 29 novembre p.v. è indetta l’Assemblea ordinaria dei soci del CISGE per l’anno 2014.

Giovanni Antonio Rizzi Zannoni scienziato del Settecento veneto

15 – 16 maggio 2014, ore 15.00
Venezia, Palazzo Loredan – Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Programma

Giovedì 15 maggio 2014
Ore 15.00

Apertura dei lavori
Gian Antonio Danieli
Presidente dell’Istituto Veneto
Vladimiro Valerio
Università Iuav di Venezia
Introduzione

Moderatore: Vladimiro Valerio
Università Iuav di Venezia
Mary Pedley
University of Michigan, U.S.
The Culture of French Cartography in the European Enlightenment
Francesca Fantini D’Onofrio
Archivio di Stato di Padova
Documenti padovani per la storia di Rizzi Zannoni
Massimo Turatto, Valeria Zanini
Osservatorio Astronomico di Padova
La tesa parigina di Rizzi Zannoni
Giuliana Mazzi
Università degli studi di Padova
Rizzi Zannoni a Padova
Raffaele Santoro
Archivio di Stato di Venezia
Documenti veneziani per la storia di Rizzi Zannoni

Discussione

Venerdì 16 maggio 2014
Ore 9.00

Moderatore: Carlo Maccagni
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Markus Heinz
Staatsbibliothek zu Berlin Preussischer Kulturbesitz
La scuola cartografica di Norinberga
Riccardo Battocchio
Seminario Vescovile di Padova
La corrispondenza di Rizzi Zannoni e i documenti biografici
Giuseppe Gullino
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti; Università degli studi di Padova
Una città in ascesa: Padova nello scorcio della Serenissima
Vladimiro Valerio
Università Iuav di Venezia
Rizzi Zannoni a Napoli
Andrea Cantile
Istituto Geografico Militare
Le matrici cartografiche dell’Officina Topografica

Discussione

Accompagnerà il convegno una mostra documentaria allestita nelle sale del piano nobile di palazzo Loredan, sede storica dell’Istituto Veneto.

La mostra sarà visitabile ad ingresso libero nei giorni feriali dal 15 al 24 maggio (dalle ore 10 alle ore 17) e domenica 25 maggio (dalle 10 alle 16).

II° mostra internazionale CARTA ANTICA

Il 10 maggio 2014 (ore 11.00-18.00) si svolgerà la II° mostra internazionale CARTA ANTICA a MILANO, organizzata dall’Associazione Culturale CivitellArte con il patrocinio dell’Associazione Roberto Almagià Associazione Italiana Collezionisti di Cartografia Antica e del Museo della Cartografia Lombarda.

La mostra si terrà presso l’Hotel Michelangelo di Milano (50 mt. da P.zza Duca d’Aosta − Stazione Centrale).

Alle ore 15.30 Annalisa D’Ascenzo, ricercatore universitario all’Università degli Studi ROMA TRE, presenterà il suo volume “Cultura geografica e cartografia in Italia alla fine del Cinquecento – Il Trattato Universale di Urbano Monte

Saranno presenti alcuni dei più importanti mercanti italiani e stranieri di: carte geografiche, vedute, antichi maestri, decorative, grafica moderna, fotografie d’epoca, atlanti, libri antichi di ogni tematica, libri di montagna e stampe, laghi lombardi ecc..

Per maggiori informazioni www.cartanticamilano.itinfo@cartanticamilano.it

ELENCO ESPOSITORI

Milano Map Fair

L’Associazione Roberto Almagià, unitamente all’Associazione culturale Civitellarte e al Museo della Cartografia Lombarda, patrocina la seconda edizione della Milano Map Fair che si terrà a Milano il 15 febbraio 2014 (Hotel Michelangelo, Piazza Luigi di Savoia, 6, ore 11.00-18.00) di cui è principale promotore e organizzatore Sergio Trippini. Quest’anno la fiera vedrà la presenza di circa 20 espositori.

Contemporaneamente alla Milano Map Fair, in una sala attigua a quella espositiva, verrà presentato in anteprima il volume Cartografia rara italiana: XVI secolo – L’Italia e i suoi territori – Catalogo ragionato delle carte a stampa di Stefano Bifolco e Fabrizio Ronca: 151 carte, tutte illustrate, e 328 edizioni diverse descritte, in un volume di oltre 400 pagine.

Locandina della fiera

Scheda del volume

Call for paper – La rappresentazione plastica del territorio tra Ottocento e Novecento

L’Istituto Geografico Militare e l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, in collaborazione con il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, hanno organizzato per venerdì 29 novembre 2013 una giornata di studi sul tema “La rappresentazione plastica del territorio tra Ottocento e Novecento“, indirizzata a studiosi, ricercatori, conservatori e collezionisti di plastici storici topografici e geologici.

Testimoni di un’epoca e segno tangibile della volontà di uomini di scienza e di governo, di tecnici, di artisti e di artigiani, i plastici hanno saputo trasmettere immagini fedeli ed immediatamente comprensibili del territorio per le più ampie applicazioni civili e militari: dalla pianificazione delle attività belliche della Grande Guerra e delle imprese coloniali, alle sintesi prodotte per l’avvio di importanti attività estrattive ed industriali, agli studi legati al rischio geologico, alla didattica, alla diffusione delle conoscenze del territorio italiano, in occasione delle Esposizioni internazionali tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900, alla pianificazione delle grandi opere infrastrutturali del Paese.
La giornata di studi consentirà anche di saggiare la possibilità di avviare una ricognizione nazionale dei plastici topografici e geologici, presenti in collezioni o come esemplari unici nei vari enti pubblici e privati italiani.
La partecipazione è libera e gratuita. Per esigenze organizzative è richiesta la previa iscrizione, segnalando i seguenti dati: nome, cognome, ente di afferenza, posizione e recapito e-mail.

Le proposte di partecipazione (relazioni scientifiche e poster) potranno essere inviate al Comitato scientifico entro il 25 ottobre 2013, complete di: autore, ente di afferenza e posizione, titolo, riassunto di cinquecento battute (spazi esclusi) e l’indicazione preferenziale per relazione o poster.

Il Comitato scientifico comunicherà il programma dei lavori entro il 31 ottobre 2013.

Comitato scientifico:
Annalisa Berzi – Club Alpino Italiano
Andrea Cantile – Istituto Geografico Militare
Myriam D’Andrea – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale
Luisa Rossi – Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici

Le proposte di partecipazione e le richieste di iscrizione alla giornata di studi vanno inviate a mezzo posta elettronica al seguente indirizzo: caservbiblio@geomil.esercito.difesa.it

Bando
Sito web IGM