Secondo Workshop Alta formazione e mondo del lavoro “Strumenti e saperi digitali per la gestione del rischio e dell’emergenza ambientale”

Il recente terremoto del 24 agosto scorso ha riportato l’attenzione mediatica e popolare a riflettere intorno alle conseguenze, spesso catastrofiche, degli eventi calamitosi. Immagini di devastazione e desolazione hanno dominato le tv, riempito per giorni le pagine dei giornali e le bacheche dei social network, accompagnando polemiche legate alla prevenzione dei danni, alla predizione dell’evento e alla gestione, nel suo complesso, dell’emergenza. Fin da subito, Protezione civile, Croce rossa Italiana, Vigili del fuoco, Esercito, attori istituzionali e professionisti, impegnati a sovrintendere le contingenze post-sisma, si sono fortemente attivati nell’affrontare, ognuno con le proprie competenze, le esigenze dei territori e delle popolazioni coinvolte. Il coordinamento delle complesse azioni di gestione dell’emergenza, come anche il sopperire alle – talvolta – scarse conoscenze dei luoghi con la raccolta e l’analisi di dati geografici è stato reso possibile anche attraverso l’uso integrato di strumenti tecnologici e di sistemi informativi geografici.

Il Workshop “Alta formazione e mondo del lavoro”, quest’anno alla sua seconda edizione, con il titolo Strumenti e saperi digitali per la gestione del rischio e dell’emergenza ambientale (6 ottobre 2016, Roma, Società Geografica Italiana, ore 15,00), vuole costituire un momento di riflessione intorno alle potenzialità offerte dalle tecnologie digitali a supporto della mitigazione dei rischi ambientali e alla necessità di formare figure professionali transdisciplinari, in grado non solo di mettere a disposizione le proprie competenze per la conoscenza e la gestione delle emergenze, ma anche di collaborare con équipe di specialisti, focalizzati sulle esigenze di prevenire e controllare gli eventi calamitosi.

Tali riflessioni saranno condotte all’interno di una tavola rotonda, cui parteciperanno sia rappresentanti di aziende e professionisti di diversi settori, sia esponenti del mondo accademico.

L’iniziativa del Workshop costituirà anche l’occasione per presentare l’offerta formativa della terza edizione del Corso di Master in Digital Earth e Smart Governance. Strategie e strumenti GIS per la gestione dei beni territoriali e culturali, organizzato dal Dipartimento di Studi Umanistici e dal Dipartimento di Scienze dell’Università degli Studi Roma Tre, e per procedere alla valutazione finale e alla premiazione delle tre migliori tesi, meritevoli di borsa, per l’AA. 2014-2015.

Il programma definitivo dell’iniziativa verrà distribuito a breve e sarà consultabile all’indirizzo: mastergis.uniroma3.it

Per ulteriori informazioni sull’iniziativa e sul Master Segreteria del Master tel. +39 0657338586; mastergis@uniroma3.it

Locandina

Call for papers: X Seminario di studi storico-cartografici “Dalla mappa al GIS”

X Seminario di studi storico-cartografici Dalla mappa al GIS
Il progetto del territorio nelle fonti d’archivio

Roma, 7-8 aprile 2016

Il Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci” del Dipartimento di Studi umanistici dell’Università Roma Tre, in collaborazione con il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, organizza nei giorni 7 e 8 aprile 2016 la decima edizione del Seminario di studi storico-cartografici Dalla mappa al GIS. Il tema al centro dell’incontro è Il progetto del territorio nelle fonti d’archivio, ossia la riflessione sull’importanza delle ricerche e delle fonti custodite negli archivi e nelle conservatorie in genere per lo studio e la comprensione delle dinamiche territoriali, nel lungo periodo, soprattutto in prospettiva dell’individuazione, dell’analisi e della soluzione dei problemi odierni.

Indubbiamente, ormai, la complessa realtà attuale affonda le proprie radici nei processi geostorici e nelle dinamiche ambientali che hanno interessato in passato il territorio, perciò i progetti di governance territoriale non possono prescindere da tali studi per proporre interventi risolutivi.

Seguendo la tradizione dell’appuntamento romano, l’intento è quello di fare emergere casi di studio, pratiche virtuose, proposte e spunti di discussione per supportare la riflessione epistemologica e teorica sul rapporto fra l’uomo e l’ambiente.

Sono previste sessioni tematiche che, come avvenuto nelle scorse edizioni, sono potenzialmente le seguenti:
– l’approccio diacronico alla cartografia storica;
– il contributo dei GIS nel campo della ricerca storico-geografica e applicata alla governance territoriale;
– la tutela e la valorizzazione dei beni ambientali, culturali, storici e paesaggistici;
– lo sviluppo socio-economico;
– i laboratori geocartografici universitari come sostegno della didattica e della ricerca.

Chi fosse interessato a partecipare è pregato di inviare, entro e non oltre il 6 marzo 2016, il titolo dell’intervento e un abstract a annalisa.dascenzo@uniroma3.it. Le proposte verranno valutate dal comitato scientifico che provvederà a redigere il programma dei lavori.

Comitato organizzativo: Annalisa D’Ascenzo, Arturo Gallia, Carla Masetti

Ottavo Seminario Dalla mappa al GIS

Per un atlante della Grande Guerra

21 e 22 maggio 2014
Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci”
Dipartimento di Studi Umanistici – Università degli Studi Roma Tre
Via Ostiense, 234/236 (metro B, fermata “Marconi”)

Presentazione
Tema conduttore dell’Ottavo seminario di studi storico-cartografici “Dalla mappa al GIS” è la ricorrenza del centenario della Prima Guerra Mondiale, da cui il sottotitolo Per un Atlante della Grande Guerra. È intenzione degli organizzatori non solo di proporre spunti e favorire riflessioni sull’utilizzo dei laboratori geocartografici universitari come sostegno alla didattica e alla ricerca, ma in particolare, riunendo studiosi provenienti da più aree disciplinari, di ipotizzare alcune linee guida per una possibile collaborazione a un progetto comune, finalizzato alla realizzazione di un Atlante della Grande Guerra.
In considerazione del carattere interdisciplinare del Seminario, la definizione delle sessioni al suo interno è alquanto varia e privilegia tanto ambiti di ricerca con stretto riferimento alle trasformazioni prodotte sul territorio prima, durante e dopo lo svolgimento del conflitto mondiale, quanto tematiche relative al recupero, tutela e valorizzazione del patrimonio storico-culturale della “memoria storica” della Prima Guerra Mondiale, attraverso anche l’utilizzo delle più recenti tecnologie (allestimento di siti web e di portali, ideazione di percorsi virtuali con i GIS, condivisione di base dati on line, …).
L’incontro, come ogni anno, è articolato in una serie di interventi distribuiti in più sessioni. Accanto ad esse, è prevista anche una sessione poster, collegata all’argomento delle due giornate di studio e finalizzata alla presentazione di ricerche in corso e di lavori con taglio più circoscritto.

Programma
Programma con abstract

Streaming del Seminario

VII seminario “Dalla mappa al GIS”

VII Seminario “Dalla mappa al GIS”
Cartografia storica e GIS
nella gestione, tutela e valorizzazione
dei beni ambientali e culturali

Roma, 6-7 giugno 2013
Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci”
Dipartimento di Studi Umanistici
Via Ostiense, 236

Call for paper
Scheda di iscrizione e partecipazione

Scadenza per l’invio di proposte: 6 maggio 2013.
Comunicazione proposte accettate: 10 maggio 2013.
Invio testo completo per la pubblicazione negli atti: 9 settembre 2013.

Maggiori informazioni sul programma saranno pubblicate a breve.
Per informazioni: Dott. Arturo Gallia.