I viaggi e la modernità. Dalle grandi esplorazioni geografiche ai mondi extraterrestri

Il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici e il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università Roma Tre organizzano a Roma, nei giorni 5 e 6 dicembre 2019, un convegno internazionale di studi dal titolo I viaggi e la modernità. Dalle grandi esplorazioni geografiche ai mondi extraterrestri.

Convegno internazionale di studi I viaggi e la modernità. Dalle grandi esplorazioni geografiche ai mondi extraterrestri (Roma, 5-6 dicembre 2019)

 Il 2019 segna nella storia dei viaggi e delle esplorazioni una ricorrenza importante: si celebrano infatti i cinquecento anni dalla partenza del primo viaggio di circumnavigazione del mondo affidato a Ferdinando Magellano e i cinquanta anni dallo sbarco dell’Apollo 11 sulla Luna.

Partendo da questi spunti, il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici e il Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci” del Dipartimento di Studi umanistici di Roma Tre organizzano a Roma un convegno che vuole riflettere sul peso avuto dalle grandi esplorazioni e dai viaggi nell’evoluzione del pensiero e della cultura, nelle scienze e nei saperi intesi in senso ampio, dalla politica alla religione, dall’antropologia alla storia dell’arte, dalla farmacopea all’alimentazione.

Gli elementi di novità che scossero l’Europa nel primo Cinquecento, e di conseguenza il resto del mondo, inaugurarono anche terminologicamente l’inizio di un processo di differenziazione, di caratterizzazione, di specificazione di moltissimi aspetti della realtà proseguito nei secoli successivi, grazie ai confronti sempre più diretti fra civiltà lontane, agli scambi materiali e immateriali, alle riforme e alle rivoluzioni che scaturirono dal progressivo allargamento dell’orizzonte geografico. Le Indie, Orientali e Occidentali, furono sottoposte a locali processi di conquista, sfruttamento ed evangelizzazione che andarono di pari passo con le lotte di potere legate all’ascesa o alla decadenza delle grandi potenze europee fino al XIX secolo.

I viaggi diretti alle Americhe e alle regioni inesplorate (Australia e Africa) si collegano così a quelli compiuti nel Novecento nelle terre polari che a loro volta trovano molti echi nelle spedizioni verso i mondi extraterrestri nei quali l’aspetto tecnologico sembra prevalente, ma che toccano da vicino gli stessi temi della percezione, dell’apertura al nuovo, in un fluire ininterrotto delle esperienze odeporiche dall’esplorazione della Terra a quella dello spazio.

L’incontro è aperto alle discipline che si occupano di viaggi e letteratura, di evoluzione del pensiero scientifico, di geografia e di storia, di rapporti transcalari e di lungo periodo fra l’Europa, i continenti extraeuropei e i mondi extraterrestri. Questi gli spunti di partenza che verranno analizzati dagli intervenuti per riflettere sull’importanza del viaggio nell’apertura degli spazi fisici e mentali.

Programma

Locandina

5 dicembre 2019

6 dicembre 2019

La Kriegskarte. Le collezioni geografiche della Fondazione Benetton (giovedì 18 giugno 2020)

Giovedì 18 giugno 2020, alle ore 18,00, si terrà il primo incontro di una serie di approfondimenti con l’intento di valorizzare il ricco patrimonio geo-cartografico della cartoteca della Fondazione Benetton Studi Ricerche.

L’incontro di giovedì 18 giugno sarà una conversazione con Massimo Rossi (geografo e responsabile della cartoteca della Fondazione e responsabile della sezione Storia della cartografia del CISGE) sulla Kriegskarte, la grande topografia austriaca realizzata durante le guerre napoleoniche, tra 1798 e 1805, sotto la direzione del generale Anton von Zach.

Per partecipare al webinar è necessario iscriversi QUI.

Maggiori informazioni sul sito della FBSR.

La notizia sul Gazzettino di Treviso.

«Geostorie» in Open Access

Agli amici e ai soci del CISGE

 in questa situazione di emergenza sanitaria e nello stato di isolamento forzato in cui ci troviamo, il Comitato direttivo vuole esprimere la propria vicinanza e solidarietà ai soci e amici del CISGE.

Cercando di proporre una forma pratica di supporto a tutti voi, cogliamo l’occasione per comunicare che è stato portato a termine il progetto per rendere disponibili in Open access i numeri della nostra rivista. Troverete dunque gli articoli, le note, le segnalazioni pubblicati, dal primo numero del «Notiziario» del 1992 fino all’ultimo «Geostorie» (2-3/2019).

Per accedere alla risorsa potete collegarvi al sito del CISGE e seguire le indicazioni per la rivista, oppure utilizzare il link diretto http://www.cisge.it/ojs/index.php/geostorie/index.

Tra le centinaia di articoli, potrete ripercorrere la storia della nostra rivista e quella del CISGE, come nella lettera che Ilaria Luzzana Caraci scrisse nel 1992 per presentare l’allora nuovo progetto editoriale (http://www.cisge.it/ojs/index.php/geostorie/article/view/279).

L’importante lavoro di messa on line e di organizzazione funzionale dei fascicoli è stato reso possibile grazie al prezioso lavoro di organizzazione e di coordinamento svolto dalla Direttrice e dal Segretario-tesoriere – che qui ringrazio pubblicamente -, con il supporto del Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci” dell’Università Roma Tre, presso il quale, sulla base di una convenzione stipulata tra il CISGE e il Dipartimento di Studi Umanistici, vengono attivati tirocini curricolari. In tal senso una particolare menzione va alla dottoressa Roberta Rodelli.

 Ci auguriamo che questo contributo possa essere di vostro gradimento e di supporto.

 Un caro saluto e a presto,
Carla Masetti
Coordinatrice centrale del CISGE

 

Questa Terra, questo virus: fare, pensare e insegnare geografia (Venerdì 3 aprile 2020)

Il Coordinamento dei Sodalizi Geografici Italiani (SoGeI) organizza un webinar dal titolo

Questa Terra, questo virus: fare, pensare e insegnare geografia

Venerdì 3 aprile ore 18-20, nel giorno originariamente dedicato alla Notte europea della Geografia.

Alcune e alcuni geografi, o studiosi vicini alla geografia, si confronteranno su come cambia il modo di pensare, fare, insegnare la geografia in una situazione che stravolge le vite di tutto il mondo.

Sarà un primo momento di confronto che si rivolge in primis alla comunità geografica, agli studenti, agli appassionati di geografia e che intende offrire e raccogliere allo stesso tempo spunti di riflessione, piste di ricerca, suggestioni. Vuole essere un modo per riorientarci in un mondo che sta cambiando in modo drammatico e che probabilmente non sarà più come prima, non fosse altro perché sarà cambiata la nostra prospettiva di guardarlo e rappresentarlo.

Interverranno:

  • Egidio Dansero (Università di Torino): introduce a nome del SOGEI e modera
  • Franco Farinelli (Università di Bologna): Il rovescio della geografia. Rappresentare il mondo, il virus e
    la fine della modernità
  • Vittorio Colizzi (Università di Roma Tor Vergata): Nascita e evoluzione della pandemia: quali lezioni ci
    sta impartendo Covid-19
  • Emanuela Casti (Università di Bergamo): Perché proprio a Bergamo? Mapping riflessivo sul contagio
    del Covid-19
  • Paola Pepe (Associazione Italiana Insegnanti di Geografia, responsabile scuola secondaria): Insegnare
    Geografia a distanza: educazione alla cittadinanza e formazione
  • Filippo Celata (Università di Roma La Sapienza): Sul valore della prossimità in tempi di distanziamento
    sociale

E’ un punto di partenza, che intende sollecitare la comunità dei geografi e delle geografe.

Claudio Cerreti (SGI), Egidio Dansero (SSG), Carla Masetti (CISGE), Riccardo Morri (AIIG), Andrea Riggio (AGEI), Giuseppe Scanu (AIC)

COMUNICATO STAMPA

Milano Map Fair 2020

Sabato 18 gennaio 2020, dalle ore 10.00 alle 18.00, nelle prestigiose sale dell’Hotel Michelangelo (a pochi metri dalla Stazione Centrale di Milano), si svolgerà la Milano Map Fair. Ingresso libero.

Per maggiori informazioni www.milanomapfair.it

 

In dirigibile al Polo Nord (19 dicembre 2019)

Giovedì 19 dicembre 2019, alle ore 17.30, presso l’Università Europea di Roma (aula Tesi), si terrà la presentazione del volume di Sergio Alessandrini “In dirigibile al Polo Nord”.
L’incontro sarà introdotto dal prof. Gianluca Casagrande (GREAL). Interverranno la prof.ssa Annalisa D’Ascenzo, Coordinatrice della sezione di Storia dei viaggi e delle esplorazioni del Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, il Dir. Roberto Sparapani del Consiglio Nazionale delle Ricerche e il T. Col. Adelio Roviti, direttore del Museo Storico dell’Aeronautica Militare. Sarà presente l’autore.

Maggiori info sul sito del GREAL.

Locandina

Esiti elezioni Assemblea straordinaria e ordinaria CISGE 2019

Nel corso dell’Assemblea straordinaria e ordinaria dei soci del CISGE, tenutasi a Roma il 6 dicembre 2019, si sono svolte le operazioni per l’elezione delle cariche sociali per il triennio 2020-2022.

Preso atto che l’Assemblea dei soci aveva approvato all’unanimità la proposta di modifica dell’art. 14 dello Statuto, si è proceduto con lo scrutinio per l’elezione del Coordinatore della nuova sezione “Fonti geostoriche applicate”.

I risultati sono i seguenti:

Coordinatore centrale: Carla Masetti
Coordinatore della sezione di Storia della cartografia: Massimo Rossi
Coordinatore della sezione di Storia della geografia: Paola Pressenda
Coordinatore della sezione di Geografia storica: Anna Guarducci
Coordinatore della sezione di Storia dei viaggi e delle esplorazioni: Annalisa D’Ascenzo
Coordinatore della sezione di Fonti geostoriche applicate: Elena Dai Prà
Responsabile dei rapporti con gli enti stranieri: Luisa Rossi
Responsabile dei rapporti con gli enti italiani: Luisa Spagnoli
Segretario-tesoriere: Arturo Gallia
Revisori dei conti: Pierluigi De Felice, Carlo Alberto Gemignani, Silvia Siniscalchi

In allegato il verbale del seggio elettorale.

Ringraziamo tutti i soci che hanno voluto essere presenti in questo importante momento sociale esprimendo il loro voto.

Raccontare il mondo, descrivere la natura. Alexander von Humboldt a 250 anni dalla nascita

Il 28-29 novembre si terrà presso la Facoltà di Studi umanistici dell’Università degli Studi di Cagliari il Convegno Internazionale di Studi “Raccontare il mondo, descrivere la natura. Alexander von Humboldt a 250 anni dalla nascita”. L’evento si si prefigge di indagare le numerose sfaccettature della figura di Alexander von Humboldt e la molteplicità degli influssi della sua opera e del suo pensiero in ambito storico, geografico, letterario e linguistico attraverso il contributo di studiosi dell’Università di Cagliari e di ospiti di fama internazionale. Il convegno ha ottenuto il patrocinio dei principali sodalizi geografici, delle società di studi germanici e dell’Associazione Humboldt Italia.

Locandina