Seminario italo-spagnolo “Circolazione dei saperi e utilità delle conoscenze. La cartografia e le altre fonti di epoca moderna nelle ricerche attuali”

Mercoledì 12 dicembre 2018, ore 15.00, si svolgerà presso la Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma (Sala de Seminarios) il Seminario italo-spagnolo “Circolazione dei saperi e utilità delle conoscenze. La cartografia e le altre fonti di epoca moderna nelle ricerche attuali”.

Il seminario pone al centro della riflessione la cartografia come prodotto culturale, tecnico e artistico, nel cui processo di realizzazione intervengono molti saperi, diverse competenze e varie figure professionali. Un manufatto che ha una sua materialità oggettiva ma che sottende molteplici significati, espliciti o impliciti, che devono essere indagati per poterne apprezzare in pieno i contenuti. A varie scale, la cartografia è un palinsesto di come l’essere umano nel tempo abbia interagito con l’ambiente sulla base della propria cultura e tecnologia, ma anche dell’immaginazione, della volontà di superare i confini, del desiderio di soddisfare pure curiosità e sentite necessità, vere o voluttuarie. I casi di studio, distribuiti su tutta l’epoca moderna e con approcci disciplinari multipli, mostreranno lo stretto rapporto fra la cartografia e il potere, tra i saperi e i progetti del territorio.

Coordina: Rafael Valladares (EEHAR-CSIC)

Dirige: Annalisa D’Ascenzo (Università degli Studi Roma Tre)

Partecipano:

Antonio Sánchez (Universidad Autónoma de Madrid): “Artesanos y eruditos en la cartografía náutica portuguesa, 1500-1650”.

José María García (Dottore in Storia): “Milenarismo e Ilustración. Proyectos cartográficos del México barroco”.

Sara Carallo (Università degli Studi Roma Tre): “Acque, mulini e manifatture nel Lazio meridionale (XVIII secolo). Un’analisi cartografica in prospettiva geostorica”.

Cinzia Bartoli (Università degli Studi di Siena): “Antichi confini: variazioni e conflitti territoriali nel Granducato di Toscana attraverso la cartografia storica di età moderna”.

Davide Allegri (Università degli Studi di Trento): “Carte in movimento. Per una panoramica della cartografia tirolese tra XVIII e XIX secolo”.

Locandina